Mario Ciccioli il Tarabella e i corni in ceramica

Prosegue il lavoro di foggiatura dei corni in ceramica;

Salve amici,

l’avventura corni continua e per il momento tutto sembra filar liscio,

ne abbiamo realizzati una decina con tecnica a lastra e …come avrete visto nel mio precedente post

abbiamo anche preparato un calco in gesso per riprodurre un corno con la tecnica a colaggio.

Per ora l’intenzione è quella di realizzare i corni in bucchero etrusco vista la nostra appartenenza

“GEOPOLITICA???” ,,apparte gli scherzi il bucchero è una testimonianza ceramica che ci giunge dal passato,

e come negare la sua estrema bellezza, quel balenare nero che svela i metalli insiti nella terra…..si, si , si…

di bucchero etrusco……. ……dunque i corni una volta foggiati a lastra e “garbati”, come dice Mario, li abbiamo poi “steccati” con agata, al fine di chiudere i pori e conferire alla terra quel suo aspetto lucido vetroso, che poi con una cottura in riduzione mostrerà tutto il fascino del bucchero…c’è intenzione anche di farne qualcuno con il raku, e perchè no, Anche di sacrosanta maiolica ….insomma la tradizione non ci abbandona e di conseguenza non ci resta che………………………………………………………………………………………….FARE CERAMICA!!!……………………………………………………………………………………………………………………

Un piccolo suggerimento………………………ricordatevi che il peso non dorme mai!!

eccovi alcune  foto dei lavori in corso

corni